“Feel the view” Ford aiuta a vedere i non vedenti

Dalla collaborazione di Ford e Aedo (start-up italiana), nasce un dispositivo in grado di far  “vedere” il panorama  ai non vedenti.
feel the view

Henry Ford, fondatore dell’omonima casa automobilistica diceva di voler migliorare la vita delle persone, cambiando il modo in cui si muovono.

Proprio la Ford in collaborazione con Aedo, una startup italiana specializzata nella realizzazione di dispositivi per disabili visivi, ha creato Feel The View un dispositivo da applicare al finestrino dell’auto, in grado mostrare il paesaggio ai non vedenti. Il sistema infatti decodifica il panorama riproducendolo con stimoli aptici percepibili al tatto. Come avviene con le mappe tatili che aiutano il non vedente ad orientarsi nei luoghi.

feel the view

La start-up italiana Aedo così descrive il dispositivo:

“Feel the View” è in grado di trasformare la superficie piana del finestrino di un’automobile in un display tattile. Il prototipo cattura e trasforma le foto scattate dalla fotocamera integrata in stimoli sensoriali non visivi ma percepibili attraverso tatto e udito. La foto scattata viene semplificata e convertita dal software interno in un’immagine in scala di grigi ad alto contrasto. L’immagine viene poi riprodotta sul vetro del finestrino, grazie all’uso di speciali sensori. Al tocco dell’utente, “Feel The View” provoca, sul punto del finestrino interessato, delle sollecitazioni che si manifestano sotto forma di vibrazioni percepite. Tali vibrazioni possono avere differenti intensità: minore è la gradazione di grigio, maggiore l’intensità di vibrazione. In questo modo, attraverso l’esplorazione dell’intero finestrino, si può immaginare e ricostruire nella mente il panorama che si sta guardando.”

feel the view

Per lo sviluppo del sistema la Ford e la Aedo hanno coinvolto anche la Views International e l’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti, al fine di  sviluppare un prototipo in linea con le esigenze dei non vedenti, ascoltandone le esigenze.

feel the view
Queste le parole di Marco Alù Saffi, portavoce di Ford Italy.
“Vogliamo migliorare la vita delle persone e questa è stata una fantastica opportunità per consentire ai passeggeri ciechi di sperimentare un aspetto grandioso della guida. La tecnologia è avanzata, ma il concept è semplice e può trasformare un banale tragitto in un viaggio memorabile.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Font Resize